A spasso con Galatea: Il Fortino

Eccoci con il consueto appuntamento  di A spasso con Galatea!!! Argomento della settimana è il Fortino di Forte dei Marmi (da cui deriva il nome della cittadina).

L’edificio è sicuramente uno dei simboli della riviera versiliese e la sua costruzione è una chiara conseguenza dell’incremento dell’attività estrattiva promossa dal governo mediceo sulle Alpi Apuane. Papa Leone X, la Signoria Medicea e l’Opera di Santa Maria del Fiore ordinarono a Donato Benti, scultore e collaboratore di Michelangelo in Versilia, la realizzazione di un tracciato viario per facilitare il trasporto e le spedizioni via mare dei blocchi e dei manufatti marmorei. Si venne quindi a creare la cosiddetta Via di Marina che terminava nei pressi dell’attuale Piazza Garibaldi. Pensate che all’epoca Forte dei Marmi era una zona acquitrinosa e disabitata: vi era solo una capanna per soldati, un’osteria vicino alla riva e il Magazzino della Magona.

Franco Buselli nella sua ultima pubblicazione riguardante le fortificazioni versiliesi ricorda come il governo lorenese ampliò le funzioni delle roccaforti presenti sul territorio: oltre al ruolo difensivo divennero infatti zona di controllo doganale e sanitario.

Nel 1778 nacque la proposta per  la costruzione del Forte allo scalo dei Marmi. Pensate che il progetto prevedeva 2607 pali di legno per le fondamenta e un costo non minore alle 43.750 L.!!! La struttura doveva essere difensiva, come dimostrano i bastioni dagli angoli smussati verso mare, e multifunzionale: ospitava il magazzino della dogana, la stanza per la Contumacia per ospitare le persone provenienti da imbarcazioni in sospetto di malattia e contagio, diversi alloggi, la caserma, la cucina e la cisterna. La struttura risulta terminata nel 1788.

L’edificio ha avuto poi diverse destinazioni d’uso e rimaneggiamenti:  il tetto e le aperture hanno subito modifiche sostanziali e nel  Novecento è stata abbattuta la torretta (visibile nello stemma della città). Nel 1928 Mario Cattaneo,  ingegnere comunale, si occupò dei lavori per trasformare il Fortino in Casa del Fascio. Terminata la guerra ospitò il Comitato di Liberazione Nazionale divenendo “Casa del Popolo”, accolse  sfollati, aule scolastiche, associazioni e nel 1957 un ufficio postale. Dal 1998 è di proprietà del Comune e attualmente ospita il Museo della Satira, l’ufficio informazioni turistiche e importanti mostre.

Alla prossima!

Galatea

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci

2 thoughts on “A spasso con Galatea: Il Fortino

  1. Correva l’anno…1943, la divisione Buffalo liberò FdM.
    Come saprete la divisione statunitense era composta da soldati di colore.
    La leggenda narra che uno di questi soldati, rimanendo incuriosito dalla Vittoria: la statua di Arturo Dazzi posta davanti al Fortino, chiese a un fortemarmino il significato del nome. Il mio compaesano, riferì al soldato che rappresentava la vittoria dell’Italia sui neri abissini (?). Il nero incazzato, sparò una fucilata alla statua, tant’è che ancora oggi si possono notare sul velo della scultura i segni lasciati dal proiettile.

  2. Pingback: Quando i pirati risalivano i fiumi per depredare la Versilia. | GalateaVersilia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...