L’orecchio di Wildt

Amo l’arte, soprattutto quella che non si trova in luoghi tradizionali come i musei. Adoro scovarla quasi per caso e mi stupisco ogni giorno della gente che cammina a passo spedito e la guarda senza vederla.

Qualche esempio?

Addentratevi tra i lussuosi palazzi della zona Palestro, cercate via Serbelloni e proseguite fino al 10, adesso suonate il citofono….un orecchio?

wildt

Un gigantesco orecchio umano di bronzo reso con dovizia di particolari…no signori non è un opera dada e nemmeno pop, è il famoso orecchio di Wildt!

Adolfo Wildt, scultore milanese dal cognome tedesco, nasce all’ombra della Madonnina nel 1868, suo padre è il portinaio di Palazzo Marino. Di famiglia molto povera, inizia a lavorare all’età di 7 anni e approda alla scultura quasi per caso. Vive un’ esistenza difficile nonostante il successo e segnata da crisi depressive frequenti.

wildt 4

Oggi lo ricordiamo grazie a ritratti in cui il viso umano è lacerato da una sofferenza interiore e il marmo, trattato alla maniera di Bernini, si trasforma in una materia liscia a lucida.

wildt3

Non voglio annoiarvi con biografie e carrellate di opere, erano solo due righe per inquadrare il personaggio, torniamo alla nostra passeggiata…

Poco lontano dall’orecchio, al numero 8 di via dei Cappuccini, appare imponente Palazzo Berri Meregalli realizzato da Giulio Ulisse Arata in uno stile che mischia Liberty ed eclettismo. Al centro del bizzarro atrio mosaicato come una chiesa bizantina, troneggia la Vittoria scolpita da Wildt.

wildt 2

Nei giardini di Villa Reale si trova un tempietto fontana chiamato La bocca della verità: tre figure scolpite nel marmo che rappresentano un santo, un giovane e la saggezza.

IMG_0918

Dopo aver visto il gigantesco Sant’Ambrogio che si trova nell’Università Statale di Milano, concludiamo il nostro giro al Cimitero Monumentale di Milano (di cui ho parlato settimana scorsa). Qui ci possiamo imbattere in una tomba in marmo che rappresenta un libro aperto nel quale sono incise due frasi, una di Leonardo e l’altra di Sant’ Ambrogio. E’ la tomba dell’ editore Ulrico Hoepli.

Spero di avervi invogliato a una passeggiata culturale fuori dai circuiti tradizionali…

Alla prossima!

Galatea

Annunci

3 thoughts on “L’orecchio di Wildt

  1. domenica nonostante il brutto tempo e il blocco ridotto siamo passati a vedere l’orecchio di Wildt, già che eravamo in zona siamo entrati a visitare la villa Necchi Campiglio, in via Mozart.
    ingresso 9€ se non si appartiene a nessuna categoria convenzionata 😦 + 3€ per fare foto… durata 45 min
    davvero molto interessante, la giuda molto preparata e la casa davvero molto bella!!!

  2. Pingback: L’Ospedale Maggiore e l’Università Statale di Milano | GalateaVersilia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...