Roberto Crudeli: una vita con l’hockey

Cari amici,

come ben saprete la rubrica “Galatea incontra”  è dedicata a coloro che hanno fatto dei propri sogni e della propria passione un lavoro. Dopo l’attore di teatro Laerte Neri, l’illustratrice Serena Marangon e la biologa Nadia Antonelli oggi abbiamo deciso di incontrare l’anima della squadra di hockey del Forte dei Marmi, l’allenatore e giocatore Roberto Crudeli.

Galatea – Ciao Roberto, grazie di essere qui con noi, iniziamo subito con le nostre domande! A quanti anni hai iniziato a giocare, cosa ti ha spinto a farlo e come è nata la passione per l’hockey?

Roberto – Ho iniziato a 10 anni nel 1973, cosa mi ha spinto a farlo?! Pattinavo già molto bene, pensate che avevo i pattini ai piedi da quando avevo 3 anni.. Cosa che non succede ai giovani d’ oggi.

Galatea – I tuoi hanno appoggiato la tua scelta?

Roberto – Si, ed è stato proprio mio padre ad avermi fatto iniziare a pattinare.

Galatea – Quali sono state le prime soddisfazioni e le delusioni e come hai reagito a entrambe?

Roberto – Secondo me fare un distinguo tra soddisfazioni e delusioni è troppo scontato, le soddisfazioni sono le vittorie ( molte) e le delusioni le sconfitte ( poche ). Credo che bisogni saper mixare entrambe e vedere la sensazione che resta da questo mix, la mia è solo di soddisfazione.

Galatea – Tanti anni fuori casa: difficoltà? hai sofferto per la lontananza della tua famiglia?

Roberto – Ho sofferto soprattutto quando Alessandro (mio figlio) era piccolo e io ero lontano, in Spagna e Portogallo.

Galatea – Hai viaggiato in italia e nel mondo, c’è un posto in cui ti fermeresti a vivere?

Roberto – Si, in Portogallo.

Galatea – Cosa si prova ad essere medaglia di bronzo olimpica?

Roberto – Quello che si prova raggiungendo un obiettivo importante, con tanti sacrifici e rinunce che hanno portato a una grande gioia. Quando arrivano le medaglie arrivano le soddisfazioni!

Galatea – Come vedi il tuo futuro quando smetterai di giocare? Nell’hockey o no?

Roberto – Per ora lo vedo nell’hockey, a bordo pista da allenatore invece che in pista da giocatore. Pensavo di smettere fra un anno dopo lo scudetto con il forte, ma quasi quasi lo farò fra due quando alzerò anche la champions sempre col forte. Sognare non costa niente… E se i sogni si realizzano… Nessuno ti chiede il conto!

Galatea – Che consiglio ti sentiresti di dare a quei giovani che come te hanno un sogno?

Roberto – Credere nel proprio sogno, ma non pensare che si avveri da solo.

Ringraziamo Roberto per il tempo che ci ha dedicato e ci auguriamo che la sua grinta, il suo ottimismo e la sua passione possano essere un esempio per tutti quei giovani (come noi e come tanti di voi) che si trovano a vivere in un momento di crisi economica e sociale come questo.

A presto

Galatea

Foto Diego Cecconi

Foto Diego Cecconi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...