Henraux e Borrini all’origine di una fiorente industria marmifera

Sul sagrato del Duomo di Seravezza è ben visibile la pietra tombale di Giovanni Battista Alessandro Henraux, e all’interno della cappella Henraux compare un busto di questo personaggio illustre. Il cognome Henraux subito ci fa venire in mente la grande industria di marmo, ma chi è Henraux e perchè il suo nome è legato al marmo e a Seravezza?

pietra tombale Henraux

Busto Henraux, cappella Henraux, Duomo di Seravezza

Busto Henraux, cappella Henraux, Duomo di Seravezza
Fonte http://www.fondazionehenraux.it

Nato a Sedan nel 1775 e arrivato in Italia al seguito delle truppe napoleoniche, si stabilisce a Carrara dove si occupa della confisca dei marmi locali a favore degli invasori francesi. Nel 1801 diventa il delegato del governo francese per l’acquisto di quel materiale e  nel frattempo apre una ditta insieme al fratello attiva nel commercio di marmo. Alla caduta di Napoleone nel 1814 Henraux  continuerà a portare avanti con profitto sia i suoi affari che la carica di agente del governo francese.

In seguito il lungimirante Henraux decide di allargare i suoi affari nella zona di Seravezza, in quanto l’escavazione del marmo era ancora in via di sviluppo e, rispetto a Carrara dove l’industria era ben avviata, c’erano maggiori possibilità di raggiungere una posizione di egemonia. Sappiamo che dal 1831 risiede stabilmente a Seravezza dove muore nel 1843.

Fondamentale sarà l’incontro con Marco Borrini, membro di una illustre famiglia seravezzina di origine ligure, il quale fin da giovane ricopre incarichi  pubblici importanti e si lancia in iniziative imprenditoriali di successo. Lui ha l’idea di riaprire le vecchie cave di Cosimo I sul Monte Altissimo, che si trovavano in stato di abbandono, e nel febbraio 1820 acquista dalla comunità di Seravezza  275 staia di terreno dell’Altissimo. Scelta coraggiosa se si pensa che da Malbacco in su la strada costruita da Michelangelo era andata distrutta dopo l’abbandono della cava.

39it-borrini

Ritratto Marco Borrini tratto dal sito http://www.fondazionehenraux.it

Palazzo Borrini, Seravezza

Palazzo Borrini, Seravezza

 

Compagno di avventura di Borrini sarà Henraux: i due nel gennaio 1821, alla presenza del notaio Tommaso Maria Frullano di Pietrasanta, costituiscono una società con lo scopo di escavare il marmo dall’Altissimo.

Il granduca Ferdinando III  concede alla società un contributo di 24.000 lire: 10.000 a titolo gratuito e 14.000 da restituire in dodici anni, prestito che poteva essere estinto anche con la fornitura di marmi.

Nel giro di un anno si ricostruisce la strada e nel 1822 le cave sono già attive. Il marmo statuario dell’Altissimo è talmente bello da fare concorrenza a Carrara e riceve apprezzamenti da importanti scultori italiani e stranieri.La società in breve tempo raggiunge la tanto sperata posizione egemonica, e tale è il lustro che arreca alla comunità di Seravezza e al Granducato che Leopoldo II nel 1833 decide di condonare il debito.

Alla prossima

Galatea

Annunci

2 thoughts on “Henraux e Borrini all’origine di una fiorente industria marmifera

  1. Pingback: I segreti del vecchio cimitero di Querceta | GalateaVersilia

  2. Pingback: I “tesori” di Villa Henraux a Seravezza. | GalateaVersilia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...