La rocca di Corvaia

Prima dei Medici, la Versilia era dominata da potenti signori di origine longobarda che, arrivati intorno all’anno Mille, si impossessarono della zona dando vita a centri importanti come la rocca di Corvaja, detta Guidinga, e quella di Vallecchia, chiamata Flaminga.

Il piccolo borgo di Corvaja, oggi formato da poche case e una chiesa, si trova poco prima di Seravezza, ed è vegliato da speroni rocciosi dalle forme particolari. Proprio qua, su questa altura impervia un tempo sorgeva la leggendaria rocca in una posizione strategica per il controllo della vallata sottostante. Sull’altura di fronte, in zona oggi detta Castello e frazione di Pietrasanta, invece sorgeva la rocca di Vallecchia.

1170668_10201167031969334_551894313_n

Foto Andrea Meccheri: vista di Seravezza dalla rocca

1174763_10201167032449346_1332425685_n

Foto Andrea Meccheri: vista dell’Uccelliera dalla rocca

Dei nobili di Corvaja si hanno poche e confuse notizie: citati negli annali pisani, genovesi, e lucchesi ci sono giunti i nomi di un certo Fraolmo nel X secolo, Veltro e Uguccione nel XII  secolo, e nel XIII secolo un certo Guido da Corvara canonico nella chiesa lucchese di S. Frediano. Anche Donna Pinna, moglie di Castrucci Castracani, vanta origini longobarde e si può affermare che la maggior parte della nobiltà della zona discendesse da questo ceppo comune.

La rocca di Corvaja, esistente già intorno all’anno Mille, domina per diversi secoli le vicende storiche e politiche della zona. Per la posizione strategica si trova ad essere in perenne balia tra la Repubblica di Lucca  e la Repubblica di Pisa. Nel 1254 i signori di Corvaja, a causa del legame con Pisa, vengono dichiarati traditori della patria da Guiscardo, potestà di Pietrasanta, la rocca distrutta e gli abitanti costretti a popolare il neonato borgo di Pietrasanta e Camaiore. Da allora un lento declino e vani tentativi di riottenere i diritti baronali per tutto il 1300.

Oggi rimane ben poco da vedere e molto da immaginare. Fatali sono stati Il passare del tempo, le guerre, e l’uso delle pietre della rocca come materiale costruttivo per altri edifici.

In primavera potrebbe essere piacevole avventurarsi verso la rocca: dieci minuti di ripida salita nel bosco e poi potrete vedere ciò che rimane delle mura, grandi sassi naturali dalla forma particolare e una vista impagabile della vallata sottostante. La zona è stata anche teatro di vicende belliche, ma questa è un’altra storia.

1004684_10201167010288792_2081890614_n

Foto Andrea Meccheri

1157460_10201167009568774_830686407_n

Foto Andrea Meccheri

1174833_10201167008488747_1547590785_n

Foto Andrea Meccheri

Come arrivare: giungendo da Forte dei Marmi in direzione Seravezza per la strada provinciale 9, prendete via S. Biagino sulla sinistra prima del borgo di Corvaja. Salite con la macchina fin dove è possibile poi proseguite a piedi.

934705_10201167030529298_220486132_n

Foto Andrea Meccheri: particolari speroni rocciosi

Foto Andre Meccheri: particolari speroni rocciosi

Foto Andre Meccheri: particolari speroni rocciosi

Foto Andrea Meccheri

Foto Andrea Meccheri

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...