La Versilia tra diavoli, fantasmi e altre leggende

Esistono bellissime leggende legate al territorio versiliese, ancora oggi tramandate oralmente magari davanti al fuoco di un camino. Ogni volta che la storia viene raccontata si arricchisce di nuovi particolari cambiando a seconda del narratore, proprio questa mutevolezza è il bello della tradizione orale. Ovviamente tutto ciò ha i suoi limiti: la leggenda rischia di scolorire piano piano fino a perdersi del tutto. Mio nonno a mio padre bambino ogni sera raccontava una storia di giganti alle prese con la creazione della Versilia, oggi di quella storia non rimane che un tale gigante Spaccaferro e qualche vaga reminiscenza.

Chiacchierando con anziani della zona è stato possibile mettere insieme storie di angeli, diavoli e fantasmi alcune molto belle e poco conosciute.

Durante la creazione del mondo Dio affidò a due arcangeli la costruzione delle Alpi e degli Appennini, dando loro calcare, rena, granito, quarzo e marmo. Si raccomandò di usare con parsimonia il marmo, in quanto materiale prezioso. L’angelo che aveva costruito le Alpi aveva dosato bene i vari elementi e gli era avanzato molto marmo, avendone usato poco come si era raccomandato Dio. Il secondo angelo aveva abbondato in tutto e raggiunta la parte nord dell’Appennino aveva esaurito ogni cosa, quindi per terminare la catena montuosa usò il marmo avanzato all’altro angelo, concentrandolo tutto tra la Toscana e la Liguria. Dio allora, spaventato da quella concentrazione di materiale prezioso e ben consapevole della avidità umana, ordinò loro di coprire le montagne con alberi e selve in modo che il marmo fosse scoperto poco alla volta.

A spaventare le notti dei bambini ci pensavano il Baffardello, folletto panciuto e dispettoso, e il famoso Uomo Nero al quale venivano dati i bambini che non volevano dormire:Ninna nanna, ninna oh, questo bimbo a chi lo do? Lo darò alla Befana che lo tiene una settimana. Lo darò all’Uomo Nero che lo tiene un anno intero…”

I vecchi fortemarmini giurano che le paludi sui quali sorge oggi il paese erano infestate da fantasmi.

Fantasmi agitavano anche le notti di Ruosina dove, dalla soffitta della casa della Tonina, si sentivano arrivare strani rumori e lamenti. In un angolo della stanza viene rinvenuto un teschio umano, e una volta consegnato al prete cessano le stranezze.

Tornando sul mare invece incontriamo Corsa, una fanciulla apuoversiliese che trovandosi un giorno sulla spiaggia del Cinquale, vide arrivare un toro dal mare e di lui si innamorò. Per lui sfidò il mare e lo raggiunse su un’isola fino ad allora sconosciuta: la Corsica.  Leggenda praticamente uguale all’avventura mitologica della principessa Europa che, innamoratasi di Zeus nelle sembianze di un toro bianco, arriva con lui fino a Creta.

Numerose e più conosciute sono le leggende legate alle Alpi Apuane. il buco del monte Forato sarebbe nato grazie a una testata del diavolo dopo un pugno di S. Pellegrino. Altri raccontano che per favorire la fuga della Sacra Famiglia inseguita dai soldati di Erode, si aprì un varco nel monte.

1466128_360795274056334_1357655155_n 1425768_360794760723052_946787445_n

Le incursioni dei pirati saraceni erano all’ordine del giorno, i nostri avi ne traggono spunto per il racconto dei Bimbi del Procinto. Per paura dei pirati un pescatore e i suoi figli abbandonano la capanna in riva al mare. Dopo molte ore di cammino arrivano sulla Apuane e per la stanchezza si addormentano sotto un castagno, ma muoiono colpiti da una saetta. I corpi vengono trasformati in rocce: l’alto torrione del Procinto è il padre pescatore, e le piccole guglie vicine sono i due bambini.

1460964_360794754056386_1812581081_n

Alla prossima

Galatea

 

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...