Solo paludi!

Forse la paura dei pirati, forse la malaria… comunque il Forte, nonostante l’allivellamento della macchia e la costruzione di case coloniche, continua ad essere disabitato.

La gente va in Marina a lavorare: chi coltiva la terra, o almeno tenta, chi pratica il commercio del marmo, chi fa il marinaio, tutte persone che ogni giorno rischiano la salute.

Sì perché la malaria in quella zona persiste, frequentemente la febbre colpisce la popolazione e di febbre una volta si moriva.

L’acqua di mare entra nei fossi creando stagni salmastrosi e l’acqua del fiume viene usata per irrigare i campi per cui la spinta diminuisce. La vegetazione cresce in maniera incontrollata intasando la foce del fiume Versilia.

Questi stagni che si creano nell’entroterra sono pozze di acqua ferma che costituiscono un ottimo habitat per le larve delle zanzare.

Decisiva per la bonifica del territorio sarà la costruzione di cateratte al Cinquale per impedire l’entrata di acqua di mare, e ovviamente lo “spaglio” costante dei fossi della zona.

La comunità, nonostante lo stato malarico della pianura, si oppone alle cateratte temendo una diminuzione di pescosità nel lago di Porta, in quanto avrebbero impedito ai pesci di mare di entrare nel lago.

Nel 1813 le cateratte vengono finalmente realizzate, con un sensibile miglioramento dell’abitabilità della zona.

Collezione Luigi Ciambelli

Collezione Luigi Ciambelli

La borgata del Forte dei Marmi è pronta per nascere.

Ancora oggi tra i vecchi fortemarmini rimane la memoria di quelle paludi. Se andate in via Leonardo da Vinci vedrete dei pilastrini in marmo “Sono bitte per legare la barche, lo sai che una volta qui c’era il mare?” ci dice la signora Carla Stagi nativa della Caranna.

IMG_0038

Magari non proprio il mare, però sicuramente data la natura paludosa del luogo in determinati periodi dell’anno la zona si allagava rendendo necessario lo spostamento attraverso zatteroni di legno. Del resto lo diceva anche Michelangelo “Solo paludi!”.

 

Da “Torre di Venere. Vita, morte e miracoli al Forte dei Marmi”

 

 

Annunci

One thought on “Solo paludi!

  1. Io sapevo che in passato, abitanti dell’alta Versilia avevano terreni la dove ora s’è espanso il Forte dei Marmi e il giorno scendevano a coltivarli però ogni sera , al calar del sole, facevano ritorno a casa per via della malaria.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...