Scultori nella “Piccola Atene”

Poco tempo fa abbiamo parlato dei magistri lapidum attivi in Versilia (https://galateaversilia.wordpress.com/2014/09/22/i-magistri-lapidum-in-versilia/) ossia ossia scultori e scalpellini esperti nella lavorazione del marmo; inizialmente anonimi, raggiungono col passare del tempo lo status di artisti e arrivano a godere di grande considerazione nelle città di origine.
A Pietrasanta, alla fine del XIV secolo,la tradizione della lavorazione del marmo prospera grazie ad Antonio Pardini, figlio del meno noto Bonuccio. Antonio vanta l’incarico di archimagister del Duomo di Lucca dal 1395 al 1419 dove dirige Piero di Agnolo, padre di Jacopo della Quercia, e lo stesso Jacopo.
Dalla metà del Quattrocento e per quasi un secolo, domineranno la scena artistica pietrasantina gli Stagi. Nel Cinquecento maturo non possiamo dimenticare Niccolò Pericoli detto il Tribolo e Priamo dell Quercia, fratello di Jacopo, che contribuiscono ad animare la cittadina versiliese.
La seconda metà del Cinquecento è il secolo d’oro della lavorazione del marmo: la presenza di Michelangelo in Versilia e l’impulso dato dai Medici alle cave attirano in zona moltissimi artisti forestieri.
La crisi si apre col Seicento e durerà più di due secoli, tanto che ancora nei primi anni dell’Ottocento la comunità pietrasantina è costretta a rivolgersi a scultori e scalpellini di Seravezza. Per la rinascita di una generazione di artisti nella Piccola Atene bisogna aspettare la metà dell’Ottocento e il merito va a Vincenzo Santini, il quale da ragazzo aveva appreso l’arte della lavorazione del marmo a Seravezza, ovviamente.
Delle sfortunate vicende del Santini parleremo nei prossimi articoli.

Galatea

Tratta da Wikipedia

Fonte Wikipedia

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...